Attenzione: Ŕ iniziato un semestre di fuoco

Giugno-Novembre: inizia un semestre di fuoco. Prima che Cina e Russia arrivino a formare una solida alleanza non solo politica, economica, finanziaria, valutaria ma anche militare, e prima che esplodano le contraddizioni economiche del capitalismo occidentale, gli USA hanno urgenza e necessitÓ di anticipare i tempi ed arrivare ad uno scontro decisivo che impedisca la formazione di un secondo asse di potenza nel pianeta, alternativo all'unipolarismo USA; contemporaneamente i paesi USA/Nato necessitano di distrarre l'attenzione delle popolazioni dagli effetti della crisi economica.

Russia e Cina ne sono giÓ coscienti e si stanno preparando, fermo il loro interesse strategico a rinviare lo scontro frontale e a prendere tempo, possibilmente senza arretrare.

Il semestre inizia con questo giugno gravido di eventi, tra i quali, tutti a fine mese:

Luglio vedrÓ la riunione della SCO (un'alleanza militare asiatica a guida russo-cinese) che dovrÓ decidere sulle richieste di adesione, tra gli altri, di Iran, India, Pakistan.

Sempre a Luglio si riuniranno gli esponenti della Banca dei BRICS per muovere i primi significativi passi alternativi a FMI e Banca Mondiale.

LuglioAgosto vedranno negli Stati Uniti la prima e pi¨ vasta esercitazione militare per il controllo del proprio territorio, a riprova di come sia prevista una precipitazione della crisi economica e relative rivolte sociali, di cui abbiamo giÓ visto i segnali a Fergusson e Baltimora. Non Ŕ quindi escluso un nuovo manifestarsi della crisi strutturale del capitalismo occidentale, che da anni cerca di rinviare l'esplosione delle proprie contraddizioni economiche e sociali ricorrendo al debito ed alla iper-stampa delle proprie valute imposte al resto del mondo.

A Settembre vi sarÓ in Europa la pi¨ grande esercitazione della Nato dalla fine della seconda guerra mondiale

Nel corso del semestre assisteremo all'accelerazione degli USA per costringere la UE a firmare il TTIP (ed in Asia l'accordo Transpacifico), in contrapposizione all'avanzare degli accordi inter-statali per "la nuova via della seta" cino-russa e alla nuova linea dei gasdotti russi per le forniture energetiche all'Europa.

Sempre entro la fine del semestre avremo la decisione degli organismi finanziari internazionali sulla definitiva consacrazione della valuta cinese come valuta internazionale, decisione non pi¨ rinviabile e che sancirebbe l'avvio della de-dollarizzazione su larga scala negli scambi commerciali internazionali.

In questo contesto geo-economico e politico si inseriscono gli scenari dei conflitti giÓ aperti, quello ucraino, quello siriano/irakeno/mediorientale, quello libico e quelli potenzialmente pronti ad essere aperti, quali la Transnistria e le isole del Mar Cinese Meridionale. Altri scenari per ora a minor intensitÓ riguardano i Balcani (Macedonia e Grecia in testa) e gli Stati sovrani dell'America latina, in primis Venezuela, Brasile, Argentina.

Tutti scenari che possono essere utilizzati dagli USA per rafforzare il proprio egemonismo e accelerare lo scontro con Russia/Cina.

Un semestre dunque caldo, molto caldo.

Riguardo al rinnovo delle sanzioni europee alla Russia, cosa inventeranno questa volta gli USA ed il loro regime fantoccio in Ucraina per costringere la UE a superare le proprie titubanze? La volta precedente gli USA dovettero far abbattere dal governo ucraino un aereo di linea, e questa volta? Una grande nuova provocazione? Un nuovo grande attacco su larga scala del regime ucraino in Donbass, incolpandone i russi? O una aggressione alla Transnistria per provocare l'intervento russo? In questo scenario cosa voglion dire la nomina del loro agente georgiano Saakhasvili a Governatore di Odessa, lo spostamento di missili anti-aerei ucraini tra Odessa e la Transnistria e, sulla costa adiacente il posizionamento di navi da guerra USA? Russi e cinesi sospettano che la ricerca dello scontro si stia orientando su questo scenario, tanto che per la prima volta hanno svolto esercitazioni navali congiunte nel Mar Nero.

Per gli Usa spingere l'Europa a nuove sanzioni anti-russe sarebbe un successo sia nel continuare l'isolamento europeo della Russia sia nel portare l'Europa nel vicolo cieco economico e politico che la costringerÓ a firmare il TTIP. Firma che vorrebbe dire unificazione anche economica delle forze NATO, avanzamento dell'accerchiamento di Cina e Russia, piegamento totale dell'Europa ai voleri delle multinazionali Usa ed alla legislazione dei loro tribunali con buona fine delle legislazioni sociali e sovrane dei singoli Stati europei .

(Nel piccolo, il recente scontro tra Usa e Fifa comprende entrambi questi elementi: abituare gli europei che la legislazione Usa prevale anche in Europa, e continuare l'isolamento della Russia tentando di annullare i prossimi mondiali in territorio russo. In questo scontro gli Usa hanno utilizzato una variante delle rivoluzioni colorate, quella della rivolta generica contro la corruzione, giÓ testata recentemente in Brasile ed India )

Con la cooptazione forzata dell'Europa nel TTIP, gli USA uniscono il capitalismo occidentale contro il resto del mondo, andando allo scontro nelle migliori condizioni possibili, con l'aggiunta di un esercito irregolare come quello jihadista; mancherebbe poi solo di separare l'India dal fronte dei BRICS (magari contrapponendola alla Cina) e qualche altro decennio di sopravvivenza forse gli Usa e gli altri paesi della Nato potrebbero garantirselo, a spese del resto dell'umanitÓ .

Ma questo gioco non Ŕ facile da condurre, o forse Ŕ troppo tardi. La crisi avanza negli Stati del capitalismo occidentale, la Russia resiste e la Cina avanza; inoltre segni di sfilacciamento emergono tra UE ed Usa; per esempio gli Usa hanno dovuto subire gli accordi di Minsk 2 voluti da Germania, Francia e Russia quando invece gli statunitensi volevano che la guerra continuasse in Ucraina con crescente intensitÓ. Altro segno di sfilacciamento l'adesione di molti Stati europei sia alle transazioni commerciali in moneta cinese sia alla nuova Banca per le infrastrutture asiatiche, a cui gli USA non aderiscono, ma che anzi contrastano in quanto riducono il potere di FMI e Banca Mondiale da loro controllate. Titubanze europee comprensibili, visto che la UE ha assistito in questi ultimissimi anni al chiudersi delle sue fonti di approvvigionamento energetico a causa della strategia del caos a regia USA: caos in Libia e Nord-Africa (a quando l'Algeria?), caos in Ucraina, preparazione del caos in Macedonia per impedire la nuova direzione del gasdotto russo, caos in Siria e Iraq per impedire le forniture di gas e petrolio iraniano e irakeno. Con questa strategia del caos, gli Usa stanno mettendo in condizione l'Europa di dover dipendere dal 2018 dallo shale-gas americano, come ha promesso il capo neo-cons McCain al Congresso Usa. In questo contesto la carta greca pu˛ assumere una forte valenza geopolitica, in quanto la Grecia pu˛ mettere il veto a nuove sanzioni anti-russe o addirittura rompere il fronte e valutare le offerte russo-cinesi. Non credo che il governo greco abbia queste intenzioni, ma magari potrebbe essere sollecitato, paradossalmente, dalla stessa Germania.

Luigi Ambrosi

8 giugno 2015